Un percorso

tra

le opere

Le opere che ho esposto in occasione della prima manifestazione internazionale Verona Tessile - tenutasi presso la biblioteca Civica di Verona - Rappresentano un mio percorso creativo, nato dal lavoro che da anni porto avanti all'interno del laboratorio di famiglia. Proprio lavorando anche per la realizzazione delle due opere più recenti MATERIA e ESPOLSIONE ho voluto creare nell'insieme dell'installazione una metafora dell'essere umano nell'aspetto interiore più profondo.

Partendo dalla prima opera intitolata MATERIA e realizzata in occasione di questa mostra ho pensato di selezionare e raccogliere frammenti e ritagli di materiali utilizzati e conservati nel laboratorio dalle origini, 1946 ad oggi. Questi frammenti rappresentano i materiali di lavoro e nel mio caso anche la storia della mia infanzia trascorsa tra i petali di fiori e stoffe colorate in compagnia della nonna Giuditta e di mia madre Luciana a cui devo la passione straordinaria che ancora anima quello che poi è diventato il mio lavoro. I piccolisacchetti che contengono i ritagli sono come piccole parti del nostro corpo, della nostra storia che in una fase successiva danno vita ad una e vera ESPLOSIONE frutto di creatività ed energia che prendono via via forma. L'ESPLOSIONE rappresenta anche simbolicamente la personalità dell'essere umano, le diverse sfaccettature, i giochi e i grovigli, la sua fantasia, e la diversità che diventa unicità. sia la materia che l'esplosione sissistono appoggiate su una rete di fili di ferro rivestiti in tessuto, solida struttura-scheletro che sostiene fantasia e pensiero anche nella potente espressione del gesto creativo.

L'energia, la forza, la vita ritrovano nella grande ROSA SOGNATA il loro migliore simbolo. La rosa infatti il cuore che attraverso "cerniere" si apre e si chiude nei diversi momenti della vita e funge da catalizzatore tra la solida struttura di ferro e la creatività permettendo anche ad un altro aspetto di manifestarsi: la fragilità connaturata nell'essere umano. Di questa fragilità sono espressione gli inserti di vetro che troviamo nell'ultima opera intitolata LE TRAME DEI GIGANTI DI VETRO. Qui debolezze e paure si uniscono al calore e alla legerezza rappresentati dalla lana che trattiene tutti i nostri pensieri nelle trasparenze e nelle fragilità del vetro. ma ancora una volta tutto è sostenuto da una struttura che qui è solida e forte proprio come siamo noi donne.

 

ANNA TOSI

Le Installazioni

Le quattro installazioni di Anna Tosi sono strettamente legate alla quotidianità del lavoro creativo della stilista. Raccolgono e propongono l’infinita varietà di fiori, decorazioni e tipologie di lavorazione di tessuti, pelli, plastiche che hanno accompagnato il lavoro del laboratorio artigiano Pagliani & Brasseur.